Pubblicazioni

Il governo senza orgoglio. Le categorie del politico secondo Rosmini

M. Nicoletti, il Mulino, Bologna 2019

Nel suo scritto «Sull’Unità d’Italia» del 1848, Antonio Rosmini definisce il suo ideale di governo un «governo senza orgoglio», intendendo con questa espressione un governo non arrogante, non borioso, non prepotente, ma al servizio delle persone e dei loro diritti e pronto a sottomettersi al giudizio di una giurisdizione indipendente. È questa l’idea di uno Stato di diritto, di uno Stato costituzionale che Rosmini intravvede come unica alternativa al sovranismo e al dispotismo, ossia al rischio di involuzione nazionalistica, autoritaria e illiberale delle istituzioni contemporanee.

L’altra pedagogia di Rosmini. Dilemmi, occultamenti, traduzioni

P. Bonafede, Università degli Studi di Trento, Trento 2019

Sulla base di un’accurata analisi delle fonti — con particolare riferimento all’opera incompiuta Del principio supremo della metodica (1839-40) — il volume indaga il pensiero educativo di rosmini, mettendo il luce aspetti e problematiche della sua pedagogia non ancora trattati.

Da Rosmini a De Gasperi

a cura di P. Marangon, M. Odorizzi, Università degli Studi di Trento, Trento 2017

In questo volume è analizzato per la prima volta, attraverso un approccio biografico ad alcune grandi personalità, il rapporto tra spiritualità e storia nel Trentino asburgico.

Passare il Rubicone. Alle frontiere della filosofia e della teologia

Emmanuel Falque, Brescia 2017

«Più si teologizza, meglio si filosofa»: con queste parole Emmanuel Falque guida il lettore nel metaforico “passaggio del Rubicone”, che conduce dalla riva della filosofia a quella della teologia sconvolgendo i canoni tradizionali del rapporto tra le due discipline. Mettere in dialogo questi versanti opposti – nel tentativo di innovare un’antica tradizione che affonda nel pensiero medievale e ha vari sviluppi nell’età contemporanea – significa predisporsi a una loro nuova comprensione, alla scoperta della potenza euristica di questi diversi e autonomi ambiti del sapere, dove l’uno arricchisce l’altro.

Incivilimento e storia filosofica nel pensiero di Antonio Rosmini

di Alberto Baggio, Università degli Studi di Trento, 2016, p. 458

Il presente lavoro si propone di indagare il tema dell’incivilimento e della storia nella prospettiva filosofica di Antonio Rosmini. Il filosofo di Rovereto risponde alle moderne teorie dello stato di natura, del perfettismo, del socialismo, contrapponendo una antropologia rigorosamente filosofica. Egli ripropone nella modernità il tema del peccato originale come nodo fondamentale per comprendere l'uomo, il cittadino, il credente.

Rosmini e l'economia

a cura di F. Ghia, P. Marangon,Università degli Studi di Trento, Trento 2015, pp. 306

Un certo stupore accompagna spesso la scoperta o, più precisamente, la periodica riscoperta che Antonio Rosmini non fu solo un eminente filosofo nei campi della metafisica e dell’etica, del diritto e della politica, dell’antropologia e della pedagogia, ma anche uno statistico e un economista. Eppure le fonti non lasciano dubbi e in questo volume un ricco ventaglio di contributi, lo dimostra con inequivocabile chiarezza.

Casa Rosmini e Rovereto. Note dal passato pensando a un museo futuro

E. Ballarè, Università degli Studi di Trento, Dipartimento di Lettere e Filosofia, Trento 2014, pp. 278

Il saggio si propone di raccogliere una serie di dati, in parte noti e in parte non ancora, al fine di tracciare una mappa ricognitiva del patrimonio di Casa Rosmini, di riconoscerne caratteri e valenze, di proporne una sistemazione. Si vogliono così prendere in considerazione come unico insieme la casa, la sua storia, i suoi personaggi, le sue raccolte.

Diritto e diritti nelle «tre società» di Rosmini

Michele Dossi - Francesco Ghia (eds.), Brescia 2014, pp. 224

Si tratta del volume più recente, completo e aggiornato che riguarda la Filosofia del Diritto di Rosmini con la sua peculiare articolazione nelle tre società: la società domestica, la società civile e la società teocratica. Esso raccoglie contributi che, se pure da prospettive diverse, intendono tutti approfondire come si sviluppi, nel pensiero di Antonio Rosmini, il rapporto tra il diritto nella sua essenza universale e i singoli diritti individuati e specifici.

Saggi di F. Traniello, F. Coccopalmerio, M. Nicoletti, A. Nicolussi, M. Krienke, N. Ricci, S. Muscolino, F. Conigliaro, C. Fantappiè e A. Peratoner.

Filosofia del Diritto

a cura di M. Nicoletti e F. Ghia, Istituto di Studi Filosofici e Centro Internazionale di Studi Rosminiani, Città Nuova Editrice, vol. 1 (tomo I e II), Roma 2013-2014

La Filosofia del Diritto fu pubblicata in prima edizione da Rosmini negli anni 1841-1843: in essa il Roveretano opera un significativo ripensamento dell'essenza del diritto e delle sue applicazioni nei diversi ambiti della vita umana, in un dialogo serrato con le tradizioni filosofico-giuridiche del passato e con le correnti di pensiero della sua epoca, in particolare con l'utilitarismo e con l'idealismo tedesco. Se ne offre in questi volumi l’edizione critica.

Atti dell'inaugurazione

Tipografia Baldo, Rovereto 2012, pp. 50

Questo volume raccoglie gli atti e i documenti dell'inaugurazione del Centro Studi e Ricerche "Antonio Rosmini", avvenuta a Rovereto il 6 aprile 2011 con una Lectio magistralis su "Costituzione e unità nazionale" tenuta da Valerio Onida, Presidente emerito della Corte Costituzionale.

Pagine