Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!

Il mio Rosmini 2020

Il Centro di Studi e Ricerche ‘Antonio Rosmini’ dell’Università degli Studi di Trento in collaborazione con Biblioteca Rosminiana di Rovereto, Comune di Rovereto, Istituto Provinciale per la Ricerca e la Sperimentazione Educativa (IPRASE) della Provincia Autonoma di Trento, Accademia Roveretana degli Agiati e con i contributi del Rotari Club Rovereto Vallagarina, dopo il successo delle prime edizioni del concorso nel 2016 e nel 2018, riversa alle scuole superiori uno spazio di presentazione di elaborati sulla rilevanza della figura e dell’opera del grande pensatore di Rovereto (1797-1855).

 

Finalità e Destinatari

L’iniziativa si propone di

- alimentare nei giovani la riflessione sull’attualità dell’opera di Rosmini;

- evidenziare temi che rappresentano momenti significativi nella formazione della coscienza europea;

- mettere a confronto aspetti del pensiero rosminiano con problematiche e riflessioni sulla contemporaneità;

- promuovere nei giovani la capacità di rielaborazioni critiche e originali, a partire da tematiche ben precise.

 

Al concorso possono partecipare a livello individuale, di gruppo o di classe, studenti degli Istituti scolastici di secondo grado delle province di Trento, Verbano-Cusio-Ossola, Milano, Padova, Venezia che abbiano affrontato un percorso didattico insieme ai loro insegnanti di materie curricolari.

 

Gli studenti interessati dovranno presentare un elaborato su un tema scelto tra le sei tracce proposte nel bando allegato.

 

ESITI DEL CONCORSO IL “IL MIO ROSMINI” EDIZIONE 2020

 

La proclamazione dei vincitori del concorso “Il mio Rosmini” edizione 2020 è avvenuta venerdì 29 maggio 2020 in uno spazio aperto, la Corte del MART di Rovereto, prestando attenzione alle limitazioni imposte dall’emergenza virus ancora in corso: distanziamento e mascherina.

 

  

 

La commissione, presieduta dal prof. Claudio Tugnoli e composta dai professori: Giuseppe Calliari, Eduino Menestrina, Patricia Salomoni, Giovanna Sirotti, Chiara Tamanini ha apprezzato tutti e sette gli elaborati che hanno partecipato all’edizione 2020 del concorso “Il mio Rosmini”.

Tutti gli elaborati dimostrano un lodevole impegno e una certa originalità, con soluzioni anche sofisticate, come l’artificio simpatico della conversazione immaginaria su WhatsApp tra Rosmini e uno studente di due secoli dopo, che mette a confronto la pratica educativa di oggi con quella dell’epoca di Rosmini; oppure l’idea di affrontare le Cinque piaghe, l’opera rivoluzionaria di Rosmini, con il linguaggio dei memi, una vera e propria sfida.

La Commissione ha seguito i seguenti criteri:

a. la qualità dei contenuti aderenti all'area tematica prescelta;

b. l'originalità, il senso critico, gli approfondimenti con cui tali contenuti sono stati espressi;

 c. la correttezza, la coerenza degli argomenti proposti;

d. l’efficacia comunicativa dei linguaggi prescelti: qualità delle immagini, contesto sonoro, format.

I giudizi sintetici su ciascun elaborato sono l’espressione di una valutazione collegiale, confortata da una convergenza sostanziale non fissata a priori, ma verificata in corso d’opera e nella riunione in presenza della commissione che ha avuto luogo in data 20 maggio 2020.

     

 

Traccia

Voto della commisione Giudizio della commisione

1

Traccia n. 4: La formazione di Rosmini-Passato vs Presente.

Liceo “L. da Vinci”- Kilianska-Pisetto

87

Molto originale ed efficace il ricorso a una conversazione su WhatsApp per un’esposizione dialogica della concezione pedagogica rosminiana, con una successione di battute briosa e divertente, che non scade mai nel banale, rivelando un serio approfondimento delle premesse teoriche e una buona contestualizzazione storica.

2

Traccia n. 6: Diritti umani-Limitazione per la libertà. Liceo “L. da Vinci”. Bertamini

62

Sufficiente originalità costruttiva dell’elaborato/manifesto, che risulta di immediata comprensione, nonostante la mancanza di approfondimento del tema dei diritti umani sul piano teorico e storico.

3

Traccia n. 3: ideale Chiesa primitiva. I 4 meme della S. Chiesa. Liceo “L. da Vinci”. Radano. Pizzedaz-Caset

68

Apprezzabile lo sforzo di trasporre le Cinque piaghe nella tecnica sofisticata dei memi, con modesti risultati però sul piano della comunicazione che  può sembrare ludica, priva com’è di argomentazione e contestualizzazione – limite che però va ascritto soprattutto alla tecnica prescelta.

4

Traccia n. 5: Rosmini politico. La sfida costituzionale. Liceo di Domodossola

84

L’elaborato propone un confronto tra le idee e gli orientamenti politico-ideologici dell’Ottocento, nonostante qualche difetto nella sceneggiatura di un video di impianto un po’ troppo didascalico, che tuttavia rivela una buona capacità di rielaborazione delle diverse prospettive in gioco.

5

Traccia n.1: Essere e infinito. Rosmini e Leopardi. Liceo “L. da Vinci”. Brunato-Zorzi.

80

Apprezzabile lo sforzo di conciliazione dei due pensatori sul piano speculativo, con l’ambizione di farli incontrare in un orizzonte teoretico comune, sulla base di una seria documentazione e di una riflessione critica appropriata. Il video realizzato è di buona fattura, anche se qualche immagine appare convenzionale, ma se la voce fuori campo fosse stata quella di uno studente e non di un professionista affermato, il prodotto finale ne avrebbe guadagnato.

6

Traccia n.2: Rosmini e Manzoni. Liceo “L. da Vinci”. Bortoli-Forti-Loss-Giacomozzi

90

Ottima la scelta di sviluppare il dialogo tra Manzoni e Rosmini sul tema della lingua, che è presentato in modo originale con accenti simpaticamente ironici. Nonostante il ritmo della recitazione un po’ precipitoso e l’assenza di un montaggio vero e proprio, la sceneggiatura brillante e la lodevole memorizzazione e interpretazione, rendono il video proposto degno della massima attenzione.

7

Traccia n.1: Rosmini e Leopardi.T-shirt filosofica Liceo “L. da Vinci”. Avi

67

Originale il linguaggio del prodotto realizzato, che propone una sintesi degli opposti, coerente con la traccia proposta, mediante il progetto di un manufatto/maglietta, la cui realizzazione finale però non può essere visionata, benché sia pronta per un’eventuale produzione in serie. Lo strumento “comunicativo” prescelto non consente un approfondimento argomentativo del tema, ma l’immagine e la formula sono di sicuro impatto.


 

Rassegna stampa

"Il mio Rosmini" del liceo Da Vinci conquista la giuria, Il Trentino, 30 Maggio 2020, il trentino_30maggio2020_centrostudi.pdf