Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!

Convegno su "Il sacro oggi tra teologia e neuroscienze. Da Rosmini a Prini"

Mercoledì 1 e giovedì 2 aprile 2020, Dipartimento di Lettere e Filosofia, Palazzo Prodi, via Tommaso Gar 14, Trento

 

Mercoledì 1 e giovedì 2 aprile 2020 si terrà il convegno internazionale Il sacro oggi tra teologia e neuroscienze. Da Rosmini a Prini presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell'Università di Trento.

Il Convegno, il quarto di una serie di incontri dedicati a Pietro Prini, si rivolge non solo ad esperti operanti nel campo di varie discipline umanistiche e delle neuroscienze, ma anche a tutti coloro che siano interessati ad approfondire un tema di grande attualità e rilievo qual è quello proposto.

Prini è considerato una delle figure di maggior spicco nell'ambito dell'esistenzialismo europeo di matrice cristiana, ed è ritenuto un antesignano per avere affrontato con largo anticipo sui tempi tematiche ora di grande attualità, quali il rapporto tra fede e scienza.

I Convegni vogliono rappresentare un'occasione di confronto tra studiosi di aree diverse, ma interessati a comuni tematiche nel campo della filosofia, teologia, antropologia e neuroscienze, partendo proprio da temi affrontati negli scritti di Prini.

Nel Convegno si è ritenuto di porre in particolare rilievo la figura di Rosmini per la profonda influenza che il pensiero dell’illustre roveretano ha esercitato su Prini, cui lo accomuna anche l’incomprensione, quando non l’ostilità, affrontate per aver avviato entrambi riflessioni su temi ritenuti, all'epoca in cui sono stati proposti, non ortodossi. 

Le relazioni del Convegno affronteranno il tema del sacro come visto oggi da varie discipline umanistiche e dalle neuroscienze.

La nascita del sacro rappresenta una tappa fondamentale del pensiero umano e la visione che ne abbiamo oggi risente da una parte dell’evoluzione del pensiero filosofico e teologico, dall’altra delle conoscenze scientifiche che hanno, in particolare a partire dal secolo scorso, cambiato profondamente la nostra visione della vita.